Alla luce della constatazione delle difficoltà di controllare il rispetto di tale divieto ed in particolare a seguito di alcuni gravi e spiacevoli episodi verificatisi recentemente in bagno, tutto il personale è tenuto ad attuare le seguenti procedure.

  • Massima attenzione nel controllo di casi di non rispetto del divieto, in qualunque situazione esso si verifichi;
  • particolare e massima sorveglianza negli orari di ricreazione e nel controllo di quanto accade in bagno (ambiente maggiormente a rischio);
  • i docenti dovranno provvedere, in orario di attività didattica, a non far uscire più di un alunno alla volta, a lasciare la porta aperta in attesa del rientro, a verificare i tempi di permanenza dello studente fuori dalla classe, soprattutto in caso di studenti che possono destare motivi di particolare attenzione;
  • i collaboratori scolastici, si posizioneranno davanti alla porta dei bagni ogni volta che un alunno accede agli stessi (la postazione dei collaboratori non è mai da intendersi come fissa alla scrivania: il dovere di sorveglianza è esteso a quanto accade nell’intera area assegnata) e verificando che lapermanenza all’interno sia contenuta nei tempi;
  • in orario di RICREAZIONE:
    • i docenti addetti al controllo degli spazi esterni, presteranno la massima attenzione;
    • il collaboratore scolastico di turno sarà in posizione fissa davanti ai bagni;
    • i docenti in servizio nelle classi si muoveranno tra l’interno della classe e i corridoi.

Tutti siamo consapevoli di quanto il problema sia difficile da controllare e contenere, ma tutti siamo tenuti al massimo sforzo per mettere in atto le azioni che sono nelle nostre possibilità, a tutela

Più in generale si richiama l’attenzione dei docenti al controllo della presenza in classe degli studenti, che capita invece di vedere autonomamente in movimento nella scuola durante le ore di attività didattiche.
Si coglie l’occasione per inviare cordiali saluti.